Il-gatto-British-Shorthair

Se vivete in Gran Bretagna e siete alla ricerca di un gatto inglese, allora il British Shorthair blu è proprio quello che fa per voi. Un adorabile micione dal pelo corto che vi conquisterà! La razza British dispone di esemplari di gatto grigio, ma anche gatti tricolore, particolarmente longevi e robusti. Uno dei tipi di gatto che vive volentieri in famiglia, ma ama anche un po’ di sana libertà.

La storia del gatto British Shorthair

gatto-british-shorthair

Il gatto British Shorthair viene indicato da molti come uno dei gatti più antichi dell’intero pianeta. Molto probabilmente discende dai gatti domestici egiziani ed è forse stato portato nell’Inghilterra di oggi, all’epoca dell’impero romano. Molto probabilmente, i gatti originali si sono mischiati poi ai gatti selvatici presenti sulle coste inglesi.

Negli anni, sono stati in grado di sviluppare alcune caratteristiche peculiari, come un pelo piuttosto folto, particolarmente adatto ai climi più freddi, una muscolatura molto più definita e un fisico decisamente più solido di quello che era invece caratteristica principale dei loro antenati egiziani.

Nel XIX secolo, attraverso vari tentativi di incroci, siamo arrivati a quello che è molto simile all’odierno British Shorthair. Veniva infatti anche chiamato British Blue, forse per differenziarlo dal Russian Blue.

Quando scoppiò la prima guerra mondiale, a causa delle varie difficoltà che stava affrontando il Regno Unito, questa razza di gatto era quasi completamente estinta. Si tentò quindi di ristabilire un sufficiente numero di questi splendidi micioni, attraverso vari tentativi di incrociare le già conosciute razze.

Nel 2013, il gatto British Shorthair è sicuramente la razza più conosciuta e più apprezzata all’interno delle isole britanniche.

Alcune curiosità riguardo al gatto British Shorthair

Ecco qui di seguito in breve alcune curiosità riguardo a questi splendidi gatti, che dovreste sapere prima di adottarne uno.

I gatti maschi pesano circa tra i 4 e i 7 kg, mentre le femmine tra i 3 e i 5 kg circa. Il gatto British Shorthair può addirittura raggiungere i 17 anni di età e si dimostra quindi essere uno dei gatti più longevi in assoluto sulla terra. Si stima che l’età minima sia di circa 12 anni. Il loro aspetto è quello di un gatto particolarmente robusto che dispone anche di zampe molto solide e muscolose capaci quindi di correre e saltare in modo particolarmente efficace. La loro testa e grande e di forma rotonda e ha delle guance piuttosto piene.

Anche le orecchie sono decisamente grandi e ben separate una dall’altra. La coda è invece di lunghezza media e un gatto British Shorthair ha bisogno di circa tre anni per raggiungere un completo stato di maturità.

La variante più comune del British Shorthair è il British Blue, sebbene sia possibile anche trovarne delle varianti in fulvo chiaro, color cannella, rossi, neri, bianchi, dorati, argentati e di color crema. Il manto può essere di un colore unico oppure può avere delle parti tigrate, di due colori o anche di molti colori diversi.

Le cose che dovresti sapere

Pur essendo una delle razze con il pedigree più diffuse nel Regno Unito, ciò non significa che il gatto British Shorthair risulti essere il felino perfetto per chiunque. Come per qualsiasi altro tipo di gatto, anche il British Shorthair possiede un carattere particolare che sarebbe bene andasse a sposarsi con il carattere gemello di colui il quale diventerà il suo proprietario.

Ci sono perciò delle cose che andrebbero considerate molto bene prima di decidere di adottare a titolo definitivo il vostro bellissimo gatto British Shorthair. In fondo è meglio informarsi prima, che cambiare idea quando mai è decisamente troppo tardi. Ricordatevi che stiamo parlando sempre di un animale che si affezionerà a voi.

La salute

Questo è un tipo di gatto che viene considerato tendenzialmente molto robusto e quindi capace di affrontare anche le sfide più difficili. Tuttavia, è possibile, anche per questa razza di gatto, che vi siano dei problemi genetici di fondo che possano causare dei seri problemi con l’andare del tempo. Uno di questi è ad esempio un possibile problema cardiaco, che vedrà un lento deflusso del sangue in direzione del cuore.

Nel caso in cui vogliate sapere se c’è il rischio genetico che soffra di una tale condizione o di un’altra patologia piuttosto comune, come l’emofilia, potrete tranquillamente rivolgervi agli esperti che saranno in grado di determinare, attraverso un test del DNA, a quali patologie è soggetto il vostro gatto British Shorthair.

Purtroppo anche i reni, sono uno di quegli organi particolarmente sensibili, per molte razze di gatti e naturalmente anche per il British Shorthair. Prestate molta attenzione e rivolgetevi al vostro veterinario di fiducia ogni volta che lo riterrete indispensabile.

Un’attenzione particolare andrebbe data anche a eventuali problemi dovuti all’alimentazione, poiché il gatto British Shorthair tende a mangiare con molta avidità potrebbe soffrire nel lungo periodo di problemi legati al peso. Una dieta equilibrata e una sufficiente attenzione, saranno in grado di arginare questa problematica in un modo molto semplice.

L’alimentazione

Per quanto riguarda l’alimentazione, questo gatto che è abituato a mangiare più o meno di tutto, avendo un DNA da cacciatore. Assicuratevi comunque di fornirgli sempre cibo di ottima qualità, poiché, le confezioni più economiche che si trovano sul mercato non sono sempre particolarmente adatte. Cercate anche di far bere più possibile il vostro British Shorthair, perché purtroppo tendono a evitare l’acqua e questo causa naturalmente delle difficoltà. Un modo per stimolare il vostro gatto British Shorthair avere un po’ di più, potrebbe essere quello di avere in casa una fontanella dalla quale sarà possibile abbeverarsi, avendo sempre a disposizione dell’acqua fresca.

La cura

British-Shorthair

La cura degli occhi di questi gatti è molto importante; sono infatti il loro punto debole. Media di questo, avrà bisogno di un po’ di movimento e di gioco, anche se non in maniera eccessiva come accade invece per altre razze. Un’altra cosa alla quale dovreste stare molto attenti alla pulizia della sua lettiera. Meglio sarebbe pulirla con una frequenza maggiore di due volte alla settimana.

L’ultima cosa che vi vogliamo raccomandare è quella di fargli indossare una targhetta di riconoscimento, oppure usare il microchip, per poterlo ritrovare, nel caso in cui sia un gatto che si allontana da casa. Avendo carattere piuttosto docile e tendendo a infilarsi nelle case degli altri, è possibile che qualcuno decida di adottarlo. In questo modo, sarete in grado di scongiurare la possibilità che venga preso da altri.

La toelettatura

Pur avendo un pelo piuttosto corto, ciò non significa che non dovrete spazzolare il vostro gatto British Shorthair con una frequenza regolare. Concentratevi magari un po’ di più sulle orecchie, che possono anche dover essere pulite piuttosto spesso e che sono portatrici di germi e batteri. Usate naturalmente solo prodotti che sono progettati per uso animale.

Il carattere

Il British Shorthair ha un carattere davvero adorabile, anche se non è così giocherellone come altri animali. Sono ben disposti a ricevere attenzioni da chiunque, quindi non preoccupatevi se avete sovente ospiti a casa vostra. Se c’è però una cosa che odiano particolarmente, è essere presi in braccio e portati in giro. Evitatelo se non volete rischiare che vi graffino, nel tentativo di liberarsi.

Domande frequenti

🐱 Quanto costa un gatto British Shorthair?

Esistono due tipi di gatti britannici, ovvero Shorthair e Longhair. Il più adorabile, Shorthair, è più popolare in tutto il mondo. In media, un British Shorthair costa circa $ 800, ma può variare da $ 600 – $ 3000 a seconda di ogni singolo gattino.

🐱 I gatti British Shorthair sono amichevoli?

I British Shorthair sono buoni animali domestici calmi e quindi l’ideale per le famiglie. Sono affettuosi, intelligenti e addestrabili e si legheranno strettamente alle loro famiglie. Di solito vanno d’accordo con i bambini ben educati.

🐱 Per quanto tempo vivono i gatti British Shorthair?

Il comitato delle razze dei gatti del Regno Unito considera il British Shorthair un gatto di lunga durata, con un’aspettativa di vita di 14-20 anni. I dati della clinica veterinaria dall’Inghilterra mostrano una durata media di 11,8 anni. I dati assicurativi svedesi pongono la durata media della razza a> 12,5 anni.

🐱 Come faccio a sapere se il mio gatto è un British Shorthair?

Il British Shorthair ha un torace ampio, collo muscoloso, mascelle forti e muso ben sviluppato. Le gambe sono spesse e forti. La razza sembra quello che erano in origine, un gatto per tenere i roditori fuori dalla stalla e dalla casa. Il pelo dello Shorthair britannico è spesso e folto.

🐱 Ai gatti British Shorthair piace essere tenuti in braccio e coccolati?

I gatti British Shorthair sono piuttosto riservati ma assolutamente amabili. I British Shorthair tollereranno le coccole ma preferiranno le più affettuose dimostrazioni di affetto. Mentre gli altri gatti sono amichevoli e socievoli, ma questa razza di solito non è entusiasta di essere tenuta in braccio e trattenuta.

🐱 I gatti British Shorthair odorano?

Il British Shorthair è anche molto buono con altri animali, non solo con altri gatti ma anche con i cani. Metti il ​​gatto e il cane in stanze separate per il primo giorno o due, in modo che abbiano la possibilità di abituarsi a vicenda ai rispettivi odori e suoni.

🐱 I gatti British Shorthair miagolano molto?

Come ogni razza di gatto, anche quelli della razza British Shorthair variano significativamente in termini di personalità. Alcuni gatti sono molto silenziosi, mentre altri sono quelli che chiamiamo “oratori” – miagolano molto e sono generalmente molto vocali e comunicativi.

🐱 I gatti British Shorthair perdono molto pelo?

No, British Shorthair perde molto poco pelo rispetto ad altri gatti sani indoor di queste dimensioni. Il mantello dei British Shorthair non ha un sottopelo che rende la trama molto invadente e riduce significativamente lo spargimento di pelo

🐱 I British Shorthair sono aggressivi?

I gatti British Shorthair sono simpatici animali domestici che di solito stanno per i fatti loro e amano incondizionatamente i loro proprietari. Il British Shorthair è molto educato e raramente diventa aggressivo. Nel caso dovesse avere un attacco di aggressività, non graffiano comunque gli occhi. Si allontanerà semplicemente per stare un po’ per i fatti suoi.

🐱 Quali problemi di salute hanno i gatti British Shorthair?

A dispetto di altre razze, il British Shorthair è uno dei gatti più sani. È solo soggetto a un paio di problemi di salute ereditari: cardiomiopatia ipertrofica (HCM), una forma di malattia cardiaca. Emofilia B, una malattia emorragica, per la quale è stato istituito un test del DNA per aiutare gli allevatori a identificare i portatori e i gatti colpiti.

🐱 I gatti British Shorthair graffiano i mobili?

Sì, proprio come qualsiasi tipo di gatto, lo Shorthair ha anche nella sua natura la possibilità di graffiare i mobili. Fortunatamente, l’addestramento comportamentale, distogliendo l’attenzione del gatto e fornendo materiali dedicati ai graffi può aiutare a minimizzare l’abitudine. Il British Shorthair è una razza ideale di gatti per chi possiede animali domestici per la prima volta.

POSTA UN COMMENTO