Gatto Savannah: informazioni, immagini e caratteristiche

Il gatto Savannah è un ibrido nato dall’incrocio tra il servàlo (Leptailurus serval, uno splendido felino selvatico africano) e il gatto domestico. Proprio come il suo parente africano, il Savannah è un gatto gigante, alto e slanciato. Ha zampe e collo lunghi e grandi orecchie. Il mantello è color miele, dorato e rossiccio, ricoperto di macchie e strisce che lo fanno sembrare un leopardo in miniatura. Questo micio ha un carattere socievole e affettuoso, e sta bene sia con altri animali domestici che con i bambini.

In questo articolo ti faremo conoscere tutte le caratteristiche di questo felino dal portamento regale. Troverai una breve scheda dei suoi tratti principali e tante istruzioni utili sulla sua gestione domestica, la salute, l’alimentazione e anche il suo “addestramento”.



Il gatto Savannah: scheda descrittiva

Peso:

Tra i 3 kg e i 9 kg (a seconda del grado di parentela con il servàlo)

Aspettativa di vita:

Tra i 15 e i 20 anni

Paese di origine:

Stati Uniti d’America

Questa razza è adatta a…

  • chi possiede gatti (o cani) già da molto tempo
  • persone che hanno il tempo di farlo giocare e addestrarlo
  • chi vive in case molto grandi e spaziose

Storia recente del gatto Savannah

Alcuni anni dopo il 1980, l’allevatrice americana Judee Frank ha iniziato a prendersi cura di un servàlo africano chiamato Ernie. Con sua sorpresa, questo felino si accoppiò con una delle sue gatte, di razza siamese, e nacque un cucciolo.

Appropriatamente, questo gatto fu chiamato “Miracle” ed è stato il primo gatto Savannah di prima generazione (F1). Probabilmente il suo nome fu cambiato in Savannah proprio per ricordare il legame del nuovo micio con la savana africana.

Da allora in poi si iniziarono a selezionare esemplari per creare questa nuova razza, che è stata riconosciuta formalmente solo nel 2012 dalla International Cat Association (TICA).

Le uniche razze di gatto accettate in passato per gli incroci con il servàlo erano:

  • Mau Egiziano
  • Ocicat
  • Oriental Shorthair

e gatti domestici a pelo corto. Tuttavia, alcuni allevatori decisero di utilizzare anche il gatto Maine Coon (a motivo della sua stazza) e il gatto del Bengala (per la stazza e le vivide macchie sul mantello).

Ad oggi, comunque, la TICA prevede solo accoppiamenti tra Savannah e Savannah.

Il gatto Savannah in casa

Savannah

Dato che si tratta di un ibrido fra un gatto selvatico e un gatto domestico, il Savannah ha un’indole abbastanza selvaggia, in particolar modo nelle prime generazioni, dove il DNA del servàlo era maggiormente presente. Se viene appropriatamente addestrato nei suoi primi mesi di vita, il Savannah sviluppa un carattere molto devoto e obbediente.

In genere, questi gatti sono molto attivi, curiosi e intelligenti; è possibile insegnare loro a riportare oggetti e a usare il guinzaglio.

Una loro caratteristica peculiare è quella di essere in grado di saltare molto in alto, tanto da raggiungere senza problemi con un balzo la parte alta del frigo o di un armadio. Alcuni esemplari possono coprire con un solo salto l’altezza di due metri e mezzo.

A motivo della loro spiccata curiosità, i Savannah possono imparare ad aprire porte, cassetti e ante degli armadi. Inoltre, molto frequentemente non hanno alcuna paura dell’acqua anzi, a differenza di molti altri gatti, ci giocano e ci si immergono completamente.

Questi gatti hanno anche un modo insolito di salutare i loro padroni umani: gonfiano la base della coda e la scuotono, per comunicare felicità, eccitazione o piacere.

I miagolii del gatto Savannah sono molto particolari, a seconda della generazione e di quanto il suo DNA sia vicino a quello del servàlo. Possono emettere i classici miagolii oppure i “cinguettii” tipici del felino selvatico africano.

In alcuni casi, emettono dei versi che sono un mix di entrambi i precedenti. Il “cinguettio” si osserva più spesso nelle prime generazioni. Alcuni Savannah inoltre emettono un particolare sibilo, simile a quello di un serpente ma molto più forte.




Potrebbe interessarti anche: Il Gatto Munchkin

Gatto Savannah: carattere e necessità

Gatto-Savannah

Quali sono le caratteristiche del Savannah? Gatto socievole (anche con gli altri animali), molto intelligente e sempre pronto a seguire i suoi padroni e a dimostrare loro il suo affetto, è un eccellente compagno di vita.

Ma com’è davvero avere un gatto Savannah in casa?

Vediamo le sue principali caratteristiche e necessità:

  • Attività:

Dato che hanno zampe slanciate e atletiche, amano saltare, quindi dovrete predisporre delle zone in cui saltare senza fare danni (mensole per gatti, amache sospese, tiragraffi verticali su più livelli…).

Data la loro intelligenza, questi gatti si possono addestrare più facilmente di altri. Possono imparare a uscire con guinzaglio e pettorina senza troppi problemi.

Li potete anche addestrare a fare altri giochi, come riportare la palla. In genere amano tutti i tipi di gioco interattivo.

  • Socialità:

Negli ultimi anni i gatti Savannah hanno acquisito parecchia notorietà, proprio perché oltre a essere molto belli hanno anche qualche punto in comune con i cani a livello caratteriale.

Inoltre, sono bravi con i bambini, specialmente se sin da piccoli l’allevatore li ha abituati a stare con altri animali e cuccioli.

A differenza di molti gatti domestici, i Savannah non hanno paura degli estranei, anzi, li incuriosiscono. Tenetene conto quando invitate ospiti e amici, chi non ama i gatti (o chi magari soffre di allergia) potrebbe non trovare piacevoli le loro attenzioni.

Avvertite in anticipo i vostri ospiti che il vostro micio probabilmente si avvicinerà a loro, li annuserà e forse tenterà anche di giocare con loro. Questa descrizione del carattere dei Savannah potrebbe non rispecchiare gli esemplari di ultima generazione (da F7 in poi), perché sono molto più lontani dal servàlo e molto più simili ai normali gatti domestici.

  • Carattere:

Se volessimo fare un elenco dei tratti caratteriali di un Savannah potremmo usare i seguenti aggettivi: energetico, socievole, affettuoso, curioso, determinato, giocherellone, ostinato, concentrato, avventuroso e tenace.

Molti definiscono il Savannah il gatto perfetto per le persone che in genere preferiscono i cani, ed è un’idea piuttosto corretta.

Proprio come i cani, infatti, questi felini amano stare sempre vicino ai loro proprietari umani, e li seguono costantemente di stanza in stanza. Forse non si metteranno in braccio a voi per avere un po’ di coccole, ma saranno sempre lì vicino. Faranno di tutto per attirare la vostra attenzione, a volte in modo non proprio “simpatico”, come buttando giù gli oggetti dagli scaffali o saltando da un mobile all’altro a tutta velocità.

  • Istinto:

Il loro istinto di caccia è estremamente sviluppato e fisicamente sono portati a eccellere in questa attività (hanno un udito e una vista migliori di altri gatti, zampe più lunghe e atletiche. Il motivo del loro mantello, inoltre, permette ai gatti Savannah di nascondersi bene nell’erba alta e di portare a termine abili agguati e inseguimenti.

In media, metà delle loro battute di caccia si rivela un successo (per gli altri gatti domestici la percentuale è molto inferiore: circa 1 successo ogni 5 tentativi).

Potrebbe interessarti anche: Il gatto nano

Come addestrare un gatto Savannah

Data la loro corporatura e il loro bagaglio genetico, i Savannah possono ricevere anche un addestramento felino piuttosto intenso, che non si limiti a semplici passeggiate.

Pur essendo animali indipendenti, questi gatti amano ricevere attenzioni e trovano molta motivazione nel cibo e nelle ricompense.

Queste sono le caratteristiche perfette per l’addestramento, infatti possono imparare non solo semplici comandi ma anche cose più complesse. Per avere i migliori risultati, bisognerebbe addestrare il Savannah per momenti brevi ma molto frequenti.

Ogni volta che compiono con successo l’azione desiderata, vanno lodati a voce e ricompensati con del cibo. I segreti per addestrare un Savannah sono la ripetizione e la costanza.

Per iniziare, potreste insegnare al micio le cose che non deve fare in casa e un po’ di “buone maniere”. Per esempio, insegnate loro a stare lontani da oggetti e situazioni pericolosi, come i fornelli, il forno, i coltelli e cose simili. In pratica, addestrateli a non salire sui ripiani della cucina, o a non entrare nella lavatrice.

Altra cosa molto importante: insegnate a un Savannah a non uscire dalla porta o a scappare appena la sentono aprirsi.

Potreste insegnare loro a sedersi in un posto specifico quando sentono il rumore della porta che si apre, ricompensandoli con del cibo (magari il loro preferito). Una volta che avranno imparato i comandi base, questi gatti non vedranno l’ora di imparare cose nuove e troveranno sempre più divertenti i momenti dedicati ad addestrarli.

Inoltre, proprio come i cani, i Savannah hanno bisogno di fare più esercizio fisico rispetto ad altri gatti. Quindi portateli regolarmente (ogni giorno) a fare una passeggiata usando il guinzaglio.

Problemi di salute comuni

Di solito i Savannah sono gatti molto in salute e necessitano delle cure veterinarie preventive classiche. Rispetto agli altri gatti, sono più inclini a sviluppare la cardiomiopatia ipertrofica, una malattia che causa l’ispessimento delle pareti del ventricolo sinistro.

Inoltre, i Savannah maschi di generazione F4 e successive molto spesso sono sterili.

Parlando di organi interni, alcuni veterinari hanno riscontrato che i Savannah presentano un fegato piuttosto piccolo rispetto alle dimensioni generali del resto del corpo, e questo fatto può influire sui medicinali che possono assumere.

Anche se hanno valori ematici diversi rispetto ai comuni gatti domestici (avendo geni di felini selvatici), i Savannah non presentano peculiarità mediche speciali e non hanno quindi bisogno di trattamenti sanitari personalizzati.

Le femmine di Savannah possono avere molta difficoltà a concepire e a portare termine gravidanze, e in media possono avere da uno a tre piccolo una volta l’anno.




Potrebbe interessarti anche: Le 11 razze di gatti giganti

Come prendersi cura dei gatti Savannah

il-gatto-savannah

Non è semplice creare l’ambiente domestico ideale per accogliere un Savannah. Gli esemplari di questa razza di gatto sono piuttosto grandi e sono pieni di energia e istinti selvaggi. Per questo motivo, per loro graffiare le tende, gettare giù le foto dalle mensole e rovinare in qualche altro modo la casa sarà per loro una tentazione quasi irresistibile.

Per evitare che un gatto Savannah abbia lo stesso effetto di un uragano dentro casa, sarebbe meglio fare qualche modifica strutturale.

Create degli spazi apposta per loro, una zona della casa dove possano liberare le loro energie senza causare problemi. Decorate quest’area con mensole per gatti, tiragraffi ad albero, gabbie e qualsiasi altra struttura che può piacere ai gatti. In questo modo, gli altri ambienti e mobili della casa perderanno molta dello loro attrattiva.

Non dimenticate che un Savannah deve necessariamente essere un gatto da appartamento e deve rimanere all’interno della casa.

È essenziale perché, essendo un eccellente cacciatore con un elevatissimo istinto predatorio, se viene lasciato libero all’esterno rappresenta una seria minaccia per un qualsiasi ecosistema naturale.

Molti possessori di Savannah hanno fatto dei lavori nelle proprie case per rinforzare i telai delle finestre o creare recinti, così da impedire la fuga ai mici. Per essere certi che queste misure siano sufficienti, comunque, dovreste garantire al vostro gatto attività e giochi che lo possano stimolare a livello sia mentale che fisico.

Se avete un balcone o un terrazzo, montate delle reti di protezione per gatti che siano molto resistenti.

Potrebbe interessarti anche: Quali sono le migliori razze di gatti da appartamento?

Pelo e grooming

Prendersi cura del grooming di un Savannah a livello fisico non è molto complicato:

  • Pelo: spazzolarlo settimanalmente per ridurre la possibilità che si creino dei boli. Sono sufficienti le spazzole per pelo corto o i guanti in gomma. Ottimo anche aiutare ad espellere i boli (soprattutto durante la muta) con delle paste al malto specifiche. Olio di salmone o integratori vitaminici saranno la ciliegina sulla torta per rendere il pelo brillante e forte. Non preoccuparti, entrambi sono senza controindicazioni e super golosi, a prova di gatto iper-shizzinoso.
  • Unghie: circa una volta o due al mese, secondo necessità. Ogni gatto può avere un indice di crescita più o meno rapida delle unghie, basta solo fare attenzione a quando iniziano a diventare troppo lunghe e usare un buon tagliaunghie per gatti (non i tronchesini umani).
  • Denti: in natura i servàlo si alimentano con prede intere e quindi la loro dentatura era abituata a masticare ossa e altre parti dure. Il gatto razza Savannah è domestico ma, se non è alimentato a BARF, sarebbe opportuno curare la sua igiene orale con spazzolino e dentifricio per gatti e/o degli snack dentali. In questo modo denti e gengive si manterranno sani.

Potrebbe interessarti anche: Come tagliare le unghie al tuo gatto

Dieta e alimentazione

Anche se esistono alcune opinioni discordanti su quale sia l’alimentazione più adatta ai gatti Savannah, di solito non hanno bisogni di particolari attenzioni alimentari.

In linea generale, hanno le stesse necessità degli altri gatti domestici. Molti esperti consigliano di offrire un’alimentazione molto varia ai Savannah, combinando croccantini secchi, cibi umidi e carne sia cotta che cruda.

Alcuni pensano che sia meglio aggiungere alla dieta un integratore di taurina.

Per evitare che il gatto giochi con l’acqua che trova nella ciotola, cambiatela spesso in modo che sia sempre fresca e pulita. Se decidete di adottare un cucciolo di Savannah, chiedete consiglio all’allevatore e al vostro veterinario per sapere come gestire la sua alimentazione.

Per evitare che il gatto abbia problemi di salute o prenda troppo peso, ricordate che le necessità alimentari di un felino cambiano nel corso della sua vita.




Potrebbe interessarti anche: Quanto deve mangiare un gatto?

Permessi e legislazione

Attenzione. Date alcune controversie legate all’accoppiamento tra un felino selvatico e un gatto domestico, in alcuni paesi è vietato acquistare e possedere un gatto Savannah.

In Italia non è possibile possedere un animale che deriva dall’incrocio con specie selvatiche, a meno che non sia già arrivato alla quarta generazione (dal livello F4 in poi).

L’allevamento a scopo riproduttivo, inoltre, è regolamentato da leggi specifiche.

Fonti:

Centro Cardiologico Veterinario: Cardiomiopatia ipertrofica

Wikipedia: Gatto Savannah

ANMVI: Leggi riproduzione e benessere gatto

POSTA UN COMMENTO