Miglior-Cuccia-per-Cani

Per i cani che trascorrono molto tempo all’aperto ci dovremo attrezzare con una cuccia accogliente che li ripari dal troppo caldo, dal troppo freddo, o che semplicemente gli possa essere di conforto per un pisolino in giardino.

La cuccia per un cane dovrebbe essere un luogo sicuro ma malgrado sul mercato vi siano numerosi modelli diversi, non tutti sono un riparo idoneo. Vero è che una cuccia per cani può essere molto costosa, soprattutto se cerchiamo una cuccia per cani grandi da esterno ma  lesinare sulla qualità della struttura potrebbe mettere a rischio il benessere del nostro animale domestico.

Ma quindi, quale scegliere?

Le Migliori Cucce per Cani

Qual è la migliore cuccia per cani?

Una buona cuccia per cani deve rispondere a una serie di determinate esigenze: misure adeguate, facilità di pulizia, robustezza e qualità dei materiali, isolamento termico (soprattutto se l’animale trascorre la maggior parte del proprio tempo all’esterno e la cuccia sarà il suo riparo principale), e ovviamente deve avere un buon rapporto qualità prezzo.

Proviamo ora a valutare insieme alcuni dei modelli più diffusi in vendita online e analizziamone le differenti caratteristiche per identificare i pro e i contro di ognuno.

1. Cuccia per cani in legno Pets Imperial

Una cuccia extra large interamente in legno coibentato per le necessità dei cani di taglia medio-grande. I ripiani del pavimento possono essere sollevati permettendo una facile manutenzione e pulizia della cuccia. Il legno è trattato con materiali atossici completamente sicuri per i nostri animali. Grazie all’isolamento fra gli strati di legno questa cuccia sarà in grado di riparare il cane sia dal caldo che dal freddo, impedendo anche alla pioggia di infiltrarsi all’interno. Per chi è in cerca di modelli di cucce per cani grandi da esterno questo prodotto ci sembra un’ottima soluzione fra quelle attualmente in commercio.

2. Cuccia Per Cani da esterno Ferplast

Una comoda cuccia interamente in plastica rigida dotata di pannello laterale apribile per permetterne la facile pulizia. Ferplast è una marca molto conosciuta fra i proprietari e specializzata in casette e gabbie per animali. Una cuccia facile da montare e leggera da movimentare, non è isolata termicamente e quindi consigliamo di alloggiarla in un luogo riparato dal sole diretto. Ottima anche come cuccia da interno grazie al design e alle dimensioni generose ma ben proporzionate.

3. Cuccia in legno per cani di taglia media Beltom

Un prodotto molto simile a quello visto in precedenza ma realizzato in legno invece che in plastica è questa cuccia di marca Beltom. Facile da montare e dotata di una tendina in plastica da agganciare all’ingresso con la funzione di riparare il cane dagli agenti atmosferici, non è però munita di isolamento termico fra gli strati in legno e pertanto è sconsigliata a chi deve posizionarla in ambiente completamente aperto, esposta al calore o alle intemperie. È perfetta per chi cerca una soluzione comoda da montare in una zona riparata, ad esempio sotto una tettoia o in veranda.

4. Cuccia per cani media Bama Bungalow

Un’altra cuccia simile al modello Ferplast, comodissima da montare e pulire, ha la particolare caratteristiche di poter sollevare il tetto grazie a un pratico dispositivo a gancio. L’aria può circolare più liberamente, rinfrescando l’ambiente interno in particolare nelle giornate più calde quando nelle cucce in plastica prive di isolamento termico si forma una cappa di calore che le rende inutilizzabili. Anche in questo caso è preferibile collocarla in una posizione riparata da sole diretto e dalle intemperie perché non essendo coibentata non difende in modo davvero efficace dagli sbalzi atmosferici e dalla pioggia.

5. Cuccia per Cani in resina Avanti Trendstore

Per chi cerca una cuccia ampia che possa fornire davvero tanto spazio per il proprio amico a quattro zampe, segnaliamo questa proposta in resina di Avanti Trendstore. Non è coibentata ma essendo così spaziosa e leggera può essere facilmente rivestita internamente con pannelli isolanti reperibili in qualunque negozio di fai da te senza il pericolo che il nostro cane resti costretto in uno spazio buio e angusto. A meno di intervenire aggiungendo uno strato di coibentazione, sconsigliamo di installare la cuccia in un luogo del tutto aperto privo di riparo.

6. Cuccia per Cani in PVC Taglia Media Curver

Per chi cerca una cuccia basica ma molto graziosa, da tenere in un luogo per lo più coperto, che funga solo da ampio e comodo rifugio per il proprio fidato compagno, proponiamo questa cuccia in PVC. È un modello molto leggero e facile fa spostare, pratico da pulire.  Un rifugio sfizioso dove il nostro amico può oziare ma non indicato a proteggerlo dagli sbalzi climatici e dagli agenti atmosferici.

Cucce per Cani Normali o Cucce Coibentate

Casetta per cani da esterno

In un articolo precedente che valutava i migliori ossi per cani avevamo trascorso molto tempo a distinguerne le varie tipologie e ad analizzare i materiali con cui erano realizzati, questo perché – proprio come in questo caso – il prodotto è così strettamente legato all’uso quotidiano del nostro compagno che scegliere quello sbagliato potrebbe ledere gravemente alla sua salute. Vediamo, dunque, quali sono le diverse caratteristiche di una cuccia normale e di una cuccia coibentata.

La differenza principale di questi due modelli di cucce è la presenza di uno strato isolante all’interno della pannellatura laterale, del tetto e del pavimento. Questo strato in più agisce da vera e propria barriera tra l’interno e l’esterno, permettendo alla cuccia di non trasformarsi in un forno d’estate e in un congelatore in inverno.

Le cucce migliori sul mercato saranno coibentate quasi al pari di un’abitazione domestica, con uno strato di schiuma poliuretanica molto spesso che possiede un ottimo coefficiente di isolamento termico. Altri marchi utilizzano il polistirolo o la lana minerale. Inoltre si sommano al fattore di protezione anche eventuali barriere come prolungamenti dell’ingresso (es. un ingresso a tunnel) oppure tende in materiale plastico agganciate sul foro d’entrata della cuccia.

Tutte quelle cucce che invece non possiedono barriere termiche di sorta sono le cucce così dette “normali” e che saranno adeguate per lo più a contesti interni o a climi temperati, non esposte direttamente al caldo o al freddo e in alcuni casi neanche agli agenti atmosferici. In funzione di quanto sarà resistente il materiale, saranno cucce comunque in grado di dare rifugio al nostro animale quando è all’aperto ma è sempre giusto valutare le esigenze dell’ambiente prima di scegliere il modello da acquistare.

Alcune cucce potrebbero essere in materiale troppo leggero con il rischio di volare via con un vento forte, in città con frequenza di piogge e neve sarà meglio optare per una cuccia che non poggi direttamente a terra così che l’acqua accumulata al suolo non entri – è il caso di dirlo – direttamente dalla porta d’ingresso.

Insomma, prima di valutare la spesa scegliendo puramente in base al prezzo è bene analizzare il nostro contesto climatico e stabilire la posizione in cui sarà collocata la cuccia.

Le Credenziali di una Buona Cuccia per l’Inverno

Coefficiente di Isolamento Termico – Come è logico, una buona cuccia per l’inverno deve proteggere dal freddo oppure il suo scopo sarà inutile. A seconda di quanto può scendere il termometro nella nostra zona abitativa, sceglieremo l’isolamento più idoneo. Abbiamo visto che la coibentazione in schiuma poliuretanica è la più efficace, seguita da quella in lana minerale, in polistirolo, e infine i modelli senza reale coibentazione.

Spessore delle Pareti – Una buona cuccia deve possedere pareti spesse. Una parete sottile si logora facilmente col rischio di spezzarsi al contatto prolungato con gli agenti atmosferici e gli sbalzi termici e inoltre non aiuta il lavoro dello strato isolante al suo interno che diventerà meno efficace, non trattenendo a lungo il calore accumulato.

Impermeabilità – Talvolta lo diamo per scontato ma è sempre bene verificare che la cuccia che stiamo acquistando sia impermeabile e che non abbia fessure o spaccature da cui possono infiltrarsi spifferi e pioggia. Uno sguardo particolare al pavimento che non deve far traspirare l’umidità proveniente dal terreno. Ad esempio non tutte le cucce in legno sono trattate per essere impermeabili. Spesso è il prezzo a fare la differenza e il modello più economico non è più quello più conveniente. Non vorremmo ritrovarci con il legno gonfio e marcio dopo solo un mese di collocazione esterna…

Peso specifico – Se la nostra cuccia è troppo leggera ci potrebbe sembrare pratica e maneggevole ma con una raffica di vento potrebbe volare via. La rivettatura a terra può risolvere il problema anche se questo potrebbe indebolire la struttura del materiale, soprattutto se in plastica, creando infiltrazioni. Se scegliamo direttamente una cuccia che sia pesante e ben stabile, anche con il vento più forte potremo fare sonni tranquilli.

Come Mantenere Calda una Cuccia Per l’Inverno?

Cuccia-per-cani

Anche se la cuccia è ben isolata, se il freddo si fa pungente sarà meglio attrezzarsi per rendere l’interno ben accogliente. Ecco alcuni suggerimenti per mantenere la cuccia calda e confortevole.

Se è nelle nostre disponibilità, esistono sul mercato delle piastre riscaldanti da posizionare all’interno della cuccia per mantenere caldo il nostro amico cane. Oltre a funzionare come una stufetta, sarà anche un ulteriore strato fra il corpo del cane e il pavimento. È importante ricordarsi che queste piastre riscaldanti non dovranno mai essere posizionate a diretto contatto con il corpo dell’animale.

Scegliamo una cuccia di dimensioni adeguate, che non sia troppo grande rispetto alla taglia del nostro cane. Se da una parte ci sembra che il nostro cane possa stare più comodo, lo spazio eccessivo finirebbe con il disperdere il calore che si è formato all’interno della cuccia. Ovviamente dovremo scegliere una casetta spaziosa, in grado di ospitare un cuscino soffice e confortevole su cui adagiarsi e una bella coperta calda in cui avvolgersi, ma non è efficace acquistare una cuccia di formato XL per il nostro cagnolino di 5kg, finirebbe con sentire troppo freddo, anche solo per la sproporzione del foro d’ingresso in cui penetrerebbe troppa aria.

Il giusto posizionamento in giardino è altrettanto importante. Evitiamo aree particolarmente ventose o troppo esposte agli elementi climatici. Anche se le cucce sono predisposte per restare all’aperto, scegliamo sempre una zona sufficientemente sicura e riparata dove sapremo che il nostro amico è davvero al sicuro.

Sembra inutile dirlo ma il terreno su cui accomoderemo la nostra cuccia dovrà essere in piano e lontano da fonti di pericoli.

Se il nostro cane ha uno spazio preferito dove ama correre, seppellire i giochi o gli ossi, quella potrebbe essere l’area che più preferisce del giardino e se la zona è piana, che possiamo vedere da casa, non direttamente esposta agli elementi e priva di potenziali pericoli, posizionando lì la sua cuccia non solo gli regaleremo una bellissima casetta da esterno ma riusciremo perfino ad arricchire uno spazio per lui importante affettivamente. Per avere idee su quali siano i migliori ossi per cani, potete consultare un articolo passato proprio su questo argomento.

All’inizio della stagione fredda, spendiamo un po’ di tempo per controllare che la cuccia sia perfettamente integra e priva di infiltrazioni. Ripetiamo il controllo anche un paio di altre volte dopo le prime gelate: in caso di punti a rischio, il picco di gelo potrebbe far spezzare il materiale e noi potremo intervenire tempestivamente.

Tipologie di Cani Più Sensibili al Freddo

Alcuni cani hanno bisogno di maggiore protezione dal freddo rispetto ad altri. In linea generale per capire quali cani sono più sensibili al freddo possiamo valutare i seguenti fattori:

Tipo di mantello – i cani con un mantello più sottile e privi di sottopelo soffrono di più a basse temperature, ad esempio un levriero o un chihuahua anche se di taglie diverse hanno un tipo di mantello simile e sensibile al freddo.

Corporatura – i cani più piccoli disperdono il calore più rapidamente, soprattutto se privi di sottopelo. Un cane di taglia grande ha più strumenti per trattenere il calore e resistere meglio alla rigidità del clima, ad esempio più muscoli e più grasso, uno strato di pelle più spesso  – fermo restando che l’assenza di sottopelo è sempre un fattore determinante per valutare la resistenza di una razza alle temperature rigide, anche se di taglia grande.

Grasso Corporeo – Tutti sanno che la funzione principale del grasso corporeo è l’isolamento termico. In poche parole, come dicevamo prima, i cani più magri o quelli con minori strati di grasso corporeo tendono a patire di più gli effetti del freddo. Detto ciò, non mettiamo all’ingrasso il nostro cane solo per aiutarlo a sentire meno freddo, lo esporremo al rischio di malattie cardiache, diabetiche o endocrine.

Età – Sia i cuccioli che i cani anziani sono più suscettibili agli effetti del freddo. I cuccioli non hanno ancora sviluppato completamente il loro sistema termoregolatore e quindi, anche se muniti di sottopelo, sono più sensibili alle basse temperature rispetto agli adulti. Dall’altra parte i cani anziani perdono tonicità muscolare così come le scorte di grasso corporee, il loro sistema termoregolatore non è più efficiente come prima, tutto questo fa sì che siamo più sensibili agli effetti del freddo.

Stato di salute – i cani malati, o affetti da patologie diverse, fanno fatica a regolare la temperatura del corpo, senza contare che un cane non completamente in salute dovrebbe evitare di trascorrere lunghi periodi esposto al freddo (o al troppo caldo) e alle correnti d’aria.

Condizioni climatiche – i cani abituati a vivere in zone molto fredde hanno sviluppato meccanismi di difesa in grado di renderli molto resistenti anche con le più rigide temperature. Lo stesso discorso vale per quelle razze che in origine sono nate in regioni fredde, come gli Husky o i San Bernardo, e che hanno una conformazione corporea specifica per questo tipo di clima. Al contrario loro soffriranno in estate oppure con climi particolarmente caldi.

Sono tanti fattori che hanno un ruolo nella sensibilità al freddo del nostro cane. Ecco alcune delle razze maggiormente sensibili che dovremo aver cura di proteggere quando la temperatura scende troppo:

  • Alano
  • Bassotto
  • Beagle
  • Boxer
  • Bulldog
  • Bulldog Francese
  • Carlino
  • Chihuahua
  • Dobermann Pinscher
  • Rottweiler

FAQ

🐶 Quanto dev’essere grande una buona cuccia per cani?

In linea generale l’ingresso della cuccia dev’essere almeno ¾ dell’altezza del cane alla spalla (da terra alla spalla). Per quanto riguarda l’ampiezza della cuccia, non dovrebbe essere più grande del 25% della lunghezza totale del cane (dalla punta del naso alla base della coda).

🐶 Una buona cuccia per cani deve essere ventilata?

Certamente. Al di là del materiale con cui è realizzata, una buona cuccia per cani dev’essere provvista di adeguata ventilazione. Evitiamo di creare noi fori per l’areazione, piuttosto rivolgiamoci a un rivenditore autorizzato e acquistiamo delle piccole maschere di ventilazione e facciamole installare su un lato della cuccia. La loro struttura è pensata per impedire l’ingresso di pioggia e neve garantendo un ottimo ricircolo d’aria.

🐶 Perché è importante una cuccia per cani?

Se abbiamo un cane che ama trascorrere diverse ore al giorno all’aperto, una cuccia sarà per lui un ottimo rifugio dove dormire, trovare ombra e riparo. Per lui sarà uno spazio al pari di una cameretta per i nostri bambini, potrà nascondere i suoi giochi preferiti, trascorrere ore serene avvolto nella copertina oppure ripararsi nel caso in cui il tempo cambi improvvisamente e noi non siamo a casa.

🐶 Dove è meglio posizionare la cuccia per cani?

In linea di massima consigliamo di scegliere posizioni riparate. A seconda del modello scelto, se è coibentato o meno, ci sarà maggior necessità di ripararla dagli agenti atmosferici e sarà meglio scegliere pergolati, sottoscala esterni, box, cantine o verande. Attorno alla cuccia possiamo anche costruire un piccolo patio così da aggiungere un ulteriore strato divisorio fra il terreno e il pavimento della casetta.

Prima di procedere all’acquisto del modello che più ci piace, leggiamo con attenzione l’opinione degli altri acquirenti e capiamo se quel modello è adatto come cuccia da esterno o se è preferibile utilizzarla solo come cuccia da interno.

POSTA UN COMMENTO